Spostarsi a Londra

1968
tube london

Se avete intenzione di fare una capatina nella capitale londinese e avete il terrore di trovarvi su una Mini Cooper con la guida a destra, stile Mister Bean in preda al panico, non temete, Londra è una città collegata con una rete di trasporti pubblici (ma anche privati) molto organizzata. Spostarsi in auto qui non è un esigenza, e sono in tanti anche tra i residenti ad usare mezzi pubblici per spostarsi nell’area metropolitana.

Vediamo quali mezzi si possono usare per spostarsi a Londra.

Gli abbonamenti per spostarsi a Londra.

Il primo passo fondamentale per accedere ai servizi pubblici è quello di munirsi di una delle due carte speciali per il pagamento dei trasporti in metropolitana, autobus, tram, DLR e addirittura le imbarcazioni della Thames Clippers e della funivia, nochè della maggior parte dei treni della National Rail.

Le carte in questione sono la OYSTER CARD e la TRAVEL CARD. La prima è una carta prepagata ricaricabile e consente di effettuare un numero il illimitato di viaggi ad un prezzo ridotto rispetto al biglietto tradizionale.

La TRAVEL è una carta a scadenza giornaliera, settimanale o mensile ed è possibile caricare una TRAVEL all’interno di una più completa OYSTER.

Le tariffe delle corse per entrambe risentono della zona in cui si viaggia, sono presenti infatti nove zone tariffarie che vanno dal centro alla periferia della città seguendo anelli concentrici.

Metropolitana di Londra

Non c’è turista che non conosca la mitica scritta “underground” che caratterizza la metro di Londra e che segnala la presenza di una fermata. Un giro nella “tube” è d’obbligo.

Lunga 402 km è la metro più antica del mondo.

Si compone di ben dodici linee che a loro volta sono collegate al regolare trasporto urbano, ai treni del Docklands Light Railway e ad una rete ferroviaria locale.

E’ consigliabile usufruire delle card per velocizzare l’accesso e ottenere un biglietto scontato.

Inoltre è meglio evitare, se possibile, gli orari di punta. In tutte le principali stazioni e negli aeroporti sono presenti degli info point circa tratte ed orari ed inoltre è possibile ritirare la mappa, per evitare di perdersi in quello che a prima vista può sembrare un labirinto.

Autobus.

Sono uno dei simboli indiscussi di London, rossi e a due piani. Particolarmente economici rispetto ad altri mezzi visto che qui non si applica il sistema di tariffazione a zone.

La tariffa è unica e si può utilizzare sia il biglietto cartaceo che le Card, in questo caso il biglietto sarà ridotto.

E’ possibile pagare anche con carta di credito ma solo se emessa dal regno unito, inoltre tutti i minori di 16 anni accedono gratuitamente se accompagnati da un adulto pagante.

Tranne che per i minori di 5 anni è richiesto un tesserino con foto per attestare la minore età. Il tesserino deve essere ritirato in loco e non può essere inviato preventivamente all’estero.

Naturalmente oltre alle linee tradizionali esistono delle linee private, anche queste abbastanza economiche (le più famose sono presenti in quasi tutte le capitali europee) e solitamente collegano gli aeroporti con le stazioni ferroviarie e metropolitane principali.

Docklands Light Railway (DLR)

Sono dei treni tecnologici “senza conducente” che si collegano alle principali stazioni della metropolitana e servono la parte sud e sud-est della città; offrono trasporti anche per l’aeroporto di London e la funivia.

Si può accedere anche con le Card e le tariffe sono le stesse della metropolitana.

Battelli Thames Clippers

E’ il servizio pubblico via acqua che si muove sul Tamigi. Sono particolarmente comodi per attraversare la città.

Si può pagare sia con la OYSTER CARD, con cui si hanno degli sconti, che con i biglietti tradizionali, anche direttamente a bordo.

Oltre al servizio pubblico, a riva troverete numerosi tour operator che organizzano delle romantiche gite in barca.

Treni

Tutta la rete ferroviaria è collegata con la città e gli aeroporti attraverso la metro o la DLR. Le ferrovie collegano Londra con le altre cittadine British ed è possibile pagare i biglietti con diversi metodi di pagamento, anche se è sempre meglio fare affidamento alla OYSTER CARD per ottenere degli sconti.

Altri mezzi…
Come in tutte le altre città sono presenti i taxi. I famosi Black CAB di Londra sono raggiungibili da tutti i maggiori punti di interesse e sono affiancati da una rete taxi privata con mezzi che vanno dai minicab alle limousine. Non male anche l’idea del bike sharing, per girare la città in bicicletta, magari pianificando la gita sul sito del Transport of London. A Londra insomma non si corre il rischio di restare a piedi!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

I agree to these terms.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.